PARTIAMO!

Ah…la Corsica !

20 settembre 2016
Lo so lo so, ormai per tutti noi le vacanze, il relax su una sdraio, il profumo del mare, il sapore di focaccia appena sfornata sono un ricordo lontanissimo, presi come siamo da rentrée più o meno stressanti. E la mia lo é, ve lo posso assicurare: pare che dopo due mesi di vita in libertà, questa routine fatta di orari e costrizioni sia davvero troppo per le mie figlie che, forse in tensione anche per la nascita ormai sempre più prossima del fratellino, arrivano a sera cariche come missili e pronte a sfogarsi sulla povera qui presente mamma-pungiball.
Ma é proprio per darci una sferzata di buonumore che ho deciso di raccontarvi della nostra estate in Corsica, perché il blues da rientro spesso si combatte pensando già a programmare l’estate seguente.
Da tempo sognavamo un ritorno in questa terra che già 8 anni fa, senza figli e liberi e belli come l’aria, ci aveva tanto conquistato. E quest’anno con una settenne, una quattrenne e una super pancia di 7 mesi, finalmente ce l’abbiamo fatta, per la prima di una lunga serie di volte.
Già perché la Corsica é una meta eccezionale in coppia ma pure in famiglia, racchiudendo in un piccolo territorio una tale varietà di paesaggi che ce n’é davvero per tutti i gusti.
Quest’anno abbiamo deciso di privilegiare il sud, la parte a mio avviso più affascinante dell’isola, seppur presa d’assalto dai turisti per le sue spiagge mozzafiato e per la bellezza di certi borghi come Bonifacio e Porto Vecchio. Ma vi segnalo che anche il più tranquillo nord e tutta l’allegra costa ovest, tra Saint Florent, la Balagne e Ajaccio meritano assolutamente una vacanza in famiglia.
Arrivare in Corsica:
Con i bimbi piccoli, si sa, si é carichi come muli e spesso la soluzione migliore é arrivarci con la propria macchina imbarcandosi da uno dei numerosi porti italiani o francesi e affrontando la navigazione notturna o diurna in base alle preferenze di ciascuno.
Certo, anche se queste navi sono molto attrezzate per i bambini, bisogna ammettere che questa soluzione é piuttosto faticosa.
Si può allora optare per la comodissima ma più costosa soluzione aereo + macchina in affitto o, se avete un marito santo (come il mio) e/o una pancia piuttosto ingombrante (come la mia), per la soluzione “star”: voi e i vostri marmocchi arriverete freschi e riposati in aereo e ad attendervi troverete uno chauffeur privato/altrimenti detto coniuge, un po’ meno fresco e riposato dopo una notte all’addiaccio in traghetto, pronto a portarvi a destinazione.  Ricompensa: una birra ghiacciata e il diritto a non fare assolutamente niente per un paio di giorni (..facciamo un paio d’ore, suvvia!).
Ecco, é cosi che siamo arrivate io e le mie creature nel piccolo aeroporto di Figari, sicuramente il più comodo e vicino a Porto Vecchio e a Bonifacio ma sconsigliato a chi soffre di una qualche non ben specifica paura di volare. L’aeroporto si trova, infatti, incastonato in una piccola area montagnosa e ventosa, cosa che prelude ad atterraggi e decolli un po’, come dire, movimentati. Per fortuna non me lo avevano detto prima!
PLUS: dalla scaletta dell’aereo all’uscita in cui si trova il vostro chauffeur privé tempo stimato 3 minuti, percorsi in mezzo a una pista mezza deserta che porta direttamente al parcheggio…TOP!
Dormire in Corsica:
Vi accorgerete che la soluzione “casetta all’interno di un residence” é quella di gran lunga più gettonata grazie alla moltitudine di strutture che, più o meno vicine al mare ma sempre perfettamente integrate nella natura, costellano l’isola.
Ma in Corsica anche il campeggio é un’ottima soluzione. Gli standards di pulizia e comfort dei camping sono molto più elevati in Francia che in Italia e, se siete un po’ sportivi e amanti della vita “randagia”, può essere davvero divertente far approcciare i bambini alla vacanza in tenda.
Ecco, io sono un po’ meno randagia e sportiva (soprattutto con Mister3 in grembo) ed ho quindi optato per la prima soluzione, con casetta all’interno della residenza Les Hameaux de Bocca de l’Oro, a cui do il mio voto 10!
Familiare, ben frequentato, curato, pulito, vicinissimo alle spiagge più belle del sud (Palombaggia e Santa Giulia a 10 minuti di macchina), questo complesso di casette, con vista mare e bbq in pietra in ogni dehors (requisito fondamentale per ricompensare il coniuge delle sue fatiche), é circondato da un bellissimo prato all’inglese ed é dotato di una grande piscina con accesso securisé dove le creature hanno passato ore ed ore, diventando campionesse olimpioniche di tuffi a bomba e ripescaggio di tartarughine e oggettini vari sul fondo.
Mangiare in Corsica:
E dopo numerosi barbecue di carne e pesce a volontà, é giunto il momento per una resto’-addicted come me di un paio di cenette fuori 😉
Cosa c’é di meglio dopo un lungo inverno parigino di una cena in una paillote sul mare con vista tramonto e piedi nella sabbia?
L’Acciaru, storica paillote sulla Palombaggia, é il classico posto super rustico ed iper frequentato da habitués, dove le grigliate di pesce fresco e le specialità corse come il maialino arrosto, la fanno da padrone.
E se i vostri bambini preferiscono stare sul classico, potrete chiedere un piatto di pasta (che per essere in Francia non é così malvagio) o il solito, noiosissimo, ma sempre apprezzato Menu Enfant, con nuggets, frites e una boule di gelato.
Per una serata più cittadina e movimentata, invece, consiglio il centro di Porto Vecchio, con le sue stradine affollate e un ristorantino dietro l’altro. Noi abbiamo provato U Spuntinu, simpatica enoteca dove spiluccare taglieri di charcuterie e formaggi corsi, sorseggiando un buon rosé!
Per una cucina più raffinata, consiglio Sous la Tonnelle o L’Antigu, con una super vista mare se chiedete di mangiare in terrazza.
Anche Bonifacio merita una serata, vista l’allegra atmosfera del suo porto e il fascino irresistibile delle stradine del suo borgo storico appollaiato su scogliere mozzafiato.
Consiglio: arrivateci nel tardo pomeriggio (così anche le ripide scalinate per arrampicarvi nel paese alto vi sembreranno meno faticose, soprattutto se avete bambini o passeggini al seguito) e godetevi un aperitivo in uno dei tanti café del centro.
Per cena vi suggerisco L‘Archivolto, storica trattoria che sforna specialità corse una più buona dell’altra.
Infine, una piccola chicca per gli amanti, come me, dei coquillages. A poco più di un’oretta da Porto Vecchio, sull’Etang de Diana, si trova un posto magico, dove fare una scorpacciata di ostriche e frutti di mare immersi in un paesaggio davvero unico. Aux Coquillages de Diana: da non perdere!
Cosa fare in Corsica:
A parte godervi il mare turchese, la natura selvaggia e un buon mirto bianco ghiacciato?
Beh, fatevi sicuramente un giro in barca! Da Bonifacio partono tantissime mini-crociere che vi porteranno o in esplorazione della costa con le sue grotte e le maestose falaises oppure alle Isole Lavezzi, riserva naturale a due passi dalla Sardegna, luogo paradisiaco dove trascorrere qualche ora, esplorando spiaggette di sabbia bianca e mare cristallino. (Se avete bambini non dimenticate scorte d’acqua, cappellini e creme, perché verrete “abbandonati” sull’isolotto per qualche ora senza riparo dal sole!)
E se dopo tutto questo sole avete voglia di “cambiare vacanza” prendete la macchina e andate a farvi un giro in montagna. A un’oretta da Porto Vecchio, direzione Zonza, partono una serie di passeggiate a 1500 metri tra sentieri di montagna e pozze naturali in cui fare un bagno ghiacciato ma super rigenerante.
Ci vediamo li l’estate prossima!
By La Blonde

tete_02

 

 

 

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Gianni 12 settembre 2016 at 14 h 47 min

    Grazie Blonde!
    Mi hai fatto riaffiorare antichi ricordi.
    Ascoltare su You Tube questa vecchia canzone “O Corse ile d’amour” di Tino Rossi un cantante corso che ebbe un notevole successo in Francia.
    La cantavo pure io in uno spettacolo di qualche annetto fa.
    Un motivo in più che mi lega a quell’Ile d’amour ….
    Oltre al mal d’Africa evidentemente c’è anche il mal di Corsica!

  • Reply Mariuccia 12 settembre 2016 at 18 h 30 min

    Peccato che non sia più tempo di vacanze! Ci penseremo per il prossimo anno.

  • Leave a Reply

    error: Content is protected !!