RIFLETTIAMO!

Un giorno ti racconterò…

2 settembre 2016
Un giorno, Mister 3, ti spiegherò qual é la forza che muove una famiglia.
Ti raccontero’ di quel weekend fra amici, piovoso e umido, in Normandia.
Delle mille incertezze che hanno attraversato le nostre menti, consce che, in fondo, avevamo già tutto e che un terzo figlio non é poi così “necessario”.
Ma era il cuore a dirci di osare, di andare contro alla logica e alla razionalità di pensieri ordinari come “la casa é troppo piccola”, “ormai siamo usciti dal tunnel”, “i figli costano”, “sto avviando un nuovo lavoro”…
Anzi eri tu, affacciato ad una nuvoletta, a reclamare il tuo posto quaggiù, a implorarci di non dimenticarti fra la schiera di angioletti, così come ci eravamo promessi tanti e tanti anni fa.
Ti racconterò del battito accelerato del cuore davanti a quelle due lineette che segnavano, per sempre, un confine oltrepassato, e delle telefonate con il fiato corto al tuo papà in ufficio e ai nonni in Italia per annunciare che avresti fatto parte di noi.
Ti racconterò dell’entusiasmo e della tenerezza delle tue sorelle, di quanto ti abbiano desiderato, atteso e immaginato fin da quando eri grande come un pinolino. E di quanta forza queste due bambine mi abbiano trasmesso.
Sei già nei ritratti di famiglia appesi sopra ai loro letti, sei già il loro piccolo orgoglio, il quinto componente della nostra divertente banda. E Dio solo sa quanto sei fortunato ad avere questi due angeli nella tua vita.
Ti racconterò del brutto momento storico che stiamo vivendo, di questa lunga estate crudele funestata quotidianamente da morti innocenti e da atti di una tale barbarie che voi, anime pure, stentereste a credere possano accadere in questo mondo “sicuro” al quale credete di appartenere.
E dello sforzo di noi genitori di preservare in voi l’idea del mondo come di un posto bellissimo, perché questo é quello che é, nonostante tutto.
Ti racconterò dell’amore che lega mamma e papà e del fatto che senza la stima, il rispetto e la libertà reciproca non si può parlare di amore ma di possesso.
Ti parlero’ della fatica di essere madre, dei tanti momenti di stanchezza e frustrazione davanti alle vostre continue richieste che prosciugano ogni energia vitale.
E della tenerezza che mi fa vedere le manine delle tue sorelline appoggiarsi su di me alla ricerca della tua presenza, e darti un bacino prima di entrare in classe.
Ti racconterò tutto quello che ti sei perso in questi anni: le vacanze, i viaggi, i traslochi, le 3 città e le 5 case in cui abbiamo vissuto, i nuovi e i vecchi amici. Di Belluno, del nostro grande terrazzo che affacciava sulle Dolomiti, rosse infuocate la sera, della fatica di vivere in un posto tanto piccolo ma della bellezza di scoprire nuovi modi di fare, di essere, di cucinare. E della gioia di trovare in sé le risorse per chiamare “casa” un posto nuovo.
Di Parigi, questa città splendida e ferita. Del nostro quartiere, della pelouse piena di amici dopo la scuola, dell’emozione di sentire le proprie figlie giocare in francese, della fatica e della bellezza di vivere da expat.
Ti racconterò che ci vuole coraggio e un pizzico di follia per dare alla tua vita la piega che desideri, ma che comunque non sei tu a decidere, é la vita a portarti. La tua felicità dipenderà solo da come saprai leggere, sfruttare e affrontare quello che ti capita.
Questo e tanto altro ti racconterò.
Tu intanto pensa a crescere ancora due mesi, senza fretta. Noi siam qui!
By La Blonde

tete_02

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply Laura 2 settembre 2016 at 15 h 55 min

    Bellissimo, commovente articolo! Tanto coraggio per questo momento magico e al contempo difficile.

    • Reply la Blonde 2 settembre 2016 at 16 h 17 min

      Grazie Laura!

  • Reply Mariuccia 2 settembre 2016 at 16 h 47 min

    Che commozione nel leggere questo bellissimo articolo. È veramente un bambino fortunato ad avere una tale famiglia e ad essere così tanto desiderato!

    • Reply la Blonde 3 settembre 2016 at 19 h 50 min

      Puoi dirlo forte…
      Grazie del supporto!

  • Reply Micaela 2 settembre 2016 at 21 h 39 min

    Bravissima Ale hai saputo esprimere in modo commovente i sentimenti che anche noi abbiamo provato tanti anni fa quando abbiamo deciso di volere il nostro terzo figlio e ti assicuro che siamo super felici e lo sarete anche voi.un abbraccio dagli zii

    • Reply la Blonde 3 settembre 2016 at 19 h 51 min

      Grazie Micaela! E’ proprio guardando alle belle famiglie numerose e allegre come la vostra che ci é venuta voglia! Un abbraccio

    Leave a Reply

    error: Content is protected !!